Menu

Home Storia Commodore Commodore PET Commodore VIC-20 Commodore MAX Machine Commodore 64 Commodore 16 Commodore 128 Commodore 65 Amiga 500 Amiga 600 Amiga 1200 Riparazioni C64 Datassette Manutenzione Taratura Azimuth Datassette Riparazioni Amiga 500 Formattare Floppy Disk 720 Kb Alimentatore ATX per Amiga 500 Sostituire Floppy Drive Amiga con Floppy Drive PC Creare Cassette per CBM64-128, Vic20 e CBM16 Trasferire File PC-Amiga (Amiga Explorer) Trasferire file PC-Amiga (ADF Sender Terminal) Visualizzare Immagini e Foto PC-C64 Visualizzare Immagini e Foto PC-Amiga Costruire Cavo Seriale Null-Modem Cavo Video Scart C64, C128, Vic20 Adattatore Joystick C64/C16 Restauro estetico Emulatori Adattatori Emulatori Online Commodore SD2IEC BASIC Collezionare Commodore Retrogaming Altri Computer Vintage

MATERIALE NECESSARIO PER ADATTARE UN ALIMENTATORE ATX COME ALIMENTATORE PER AMIGA 500/600/1200

1 alimentatore ATX per PC (vanno bene tutti gli alimentatori anche se ormai datati). Meglio ancora se l'alimentatore in questione ha l'interruttore di accensione.

1 connettore a 5 pin come quello originale. Vista la forma particolare del connettore dell'alimentatore di Amiga (quello quadrato per intenderci), ci sono 3 possibili soluzioni per ottenerlo:
- riutilizzare il connettore dell'alimentatore di Amiga non funzionante:

- comprarne uno nuovo (se ne trovano facilmente su eBay), come quello che vedete nella foto qui sotto:

- realizzarne uno "artigianale" (soluzione meno pratica ma che con un po' di inventiva e capacità, può essere applicata).

Mai buttare un alimentatore Amiga non funzionante, senza averne recuperato prima il connettore a 5 pin ed eventualmente l'interruttore di accensione (che possiamo utilizzarlo nel caso che l'alimentatore PC non ne sia provvisto).

Saldatore a stagno (qualsiasi tipo va benissimo)

Guaina termorestringente (per un lavoro fatto bene) o in alternativa del nastro isolante.

bottom corner

trasformare alimentatore Pc in alimentatore amiga

CONVERTIRE ALIMENTATORE ATX IN ALIMENTATORE PER AMIGA 500/600/1200

Se l'alimentatore del vostro Amiga 500/600/1200 non funziona più, potete benissimo realizzarne uno utilizzando un alimentatore ATX di un PC. Va benissimo qualsiasi alimentatore ATX, anche di un vecchio PC datato e quindi obsoleto, oppure non più funzionante. Se ne trovano comunque tanti in vendita (vedi eBay) a prezzi molto bassi. Anche gli alimentatori per Amiga sono ancora facili da reperire sul mercato online (soluzione più veloce e necessaria per i collezionisti), ma il prezzo si aggira mediamente sulle 30,00 € €.

Per questo tutorial userò un vecchio alimentatore ATX acquistato per sole 3 € su eBay (vedi foto sotto). Vi posso garantire che a risultato finale funzionerà perfettamente su Amiga 500/600/1200. La procedura è molto semplice basta rispettare lo schema e avere un po di dimestichezza con le saldature a stagno

L'alimentatore di Amiga fornisce al computer varie tensioni in continua (GND, -12V, +5V e +12V), tramite il connettore a 5 pin di cui è dotato. Tutti questi voltaggi sono accessibili da un qualsiasi alimentatore ATX per PC, pertanto si tratta solo di "adattarlo" con una semplice modifica, per poterlo utilizzare al nostro scopo.

Nella colonna di sinistra della pagina è riportato il materiale necessario per effettuare la conversione dell'alimentatore ATX in alimentatore per Amiga. Recuperate il connettore a 5 poli dall'alimentatore Amiga non funzionante, mantenendo il cavo per tutta la sua lunghezza. Sguainate l'estremità di ogni singolo filo per ottenere un risultato come nella foto sottostante.

PROCEDURA PER CONVERTIRE UN ALIMENTATORE ATX AD ALIMENTATORE PER AMIGA 500

ATTENZIONE: NON MI ASSUMO RESPONSABILITA' ALCUNA NEL CASO IN CUI POSSIATE RECARE DANNO DI QUALSIASI ENTITA' AL VOSTRO AMIGA

Come possiamo notare l'alimentatore ATX per PC ha molti fili di diversi colori (9 per l'esattezza). Ogni colore corrisponde ad una particolare tensione: (bianco -5V, blu -12V, giallo +12V, rosso +5V, arancione +3.3V, nero GND massa, verde +5V segnale da collegare alla massa, viola +5V segnale e grigio).

Alcuni colori sono presenti in quantità multiple (fili rossi, neri, arancioni e gialli) ma ne serviranno solo uno per colore. Pertanto come prima cosa dovremo tagliare via dai fili i vari connettori alle estremità (connettore scheda madre, CPU, HDD IDE, HDD SATA etc), così da ottenere un unico "mazzo" di fili.

Il filo di colore viola e quello grigio non serviranno, pertanto andremo ad isolarli con del nastro isolante all'estremità. Per fare un lavoro migliore potete eliminarli dalla vista tagliandoli molto corti così che non escano dall'alimentatore, ma per fare ciò dovete necessariamente aprire quest'ultimo (sono solo 4 viti da svitare).

Il filo di colore verde va unito ad uno qualsiasi di colore nero (massa). Questo per fare in modo che l'alimentatore ATX possa funzionare e quindi si accenda anche senza essere montato in un PC. Se l'alimentatore in questione non è provvisto di un interruttore di accensione, andremo ad utilizzarne uno esterno da collegare fra il filo nero e quello verde (il consiglio è di acquistare un alimentatore provvisto di interruttore di accensione). Come dicevo precedentemente, se non avete buttato il vecchio alimentatore Amiga non funzionante, potete recuperarne l'interruttore. Altrimenti qualsiasi altro tipo di interruttore va benissimo per il nostro scopo.

I fili che ci serviranno per alimentare il nostro Amiga sono precisamente i seguenti: il colore nero per la massa (GND), il blu per la -12V, il giallo per la +12V e il rosso per la +5V. Questi fili dovranno essere collegati al connettore a 5 pin (ne verranno utilizzati 4), rispettandone per ciascuno la giusta sede. Pertanto dovete fare in modo che quando andrete ad inserire il connettore di alimentazione all'Amiga, i pin con le rispettive tensioni siano nella giusta posizione. Questo passaggio è molto importante perché se le tensioni non sono nella giusta sede del connettore, rischiate di danneggiare il vostro Amiga al momento dell'accensione. A tal proposito qui sotto è riportato lo schema da seguire:

NB: Nella figura di sinistra è raffigurato il connettore femmina lato Amiga 500, dove dovrà essere inserito il connettore maschio a 5 pin dell'alimentatore. La figura di destra rappresenta il connettore maschio dell'alimentatore, con i rispettivi voltaggi dei pin.

Per sapere esattamente la corrispondenza dei fili sui rispettivi pin del connettore dell'alimentatore di Amiga, è bastato eseguire un semplice test di continuità con un multimetro (tester), cosa che potete fare anche voi in pochi secondi se ne siete provvisti. Pertanto lo schema di congiunzione del colore dei fili è il seguente:

In alcuni modelli dell'alimentatore Amiga, il filo grigio può essere di colore marrone. Il filo giallo corrisponde allo SHIELD, pertanto non ci servirà.

Per ottenere un lavoro perfetto è bene utilizzare delle guaine termorestringenti su ogni singola saldatura. Il tutto sarà poi adeguatamente protetto da un ulteriore guaina termorestringente che ne garantirà una giusta protezione. A lavoro ultimato avrete l'alimentatore ATX modificato e completo di connettore a 5 poli di Amiga con rispettivo cavo (vedi foto sottostante).

Dopo aver inserito il connettore dell'alimentatore al corpo macchina, potete accenderlo per avviare Amiga 500 e testarne quindi l'effettivo funzionamento. Se avete rispettato tutti i passaggi di questo tutorial vi garantisco che Amiga 500/600/1200 funzionerà perfettamente con l'alimentatore ATX modificato. Nel test che ho effettuato (vedi foto sottostante) oltre alla parte video vi garantisco che funziona bene anche l'audio e il floppy drive.

Dopo aver verificato il perfetto funzionamento, potete anche dare all'alimentatore un aspetto più conforme al suo nuovo utilizzo. A voi la scelta. Nella foto sottostante il risultato che ho voluto ottenere:

HomePage | passionecommodore.it | Privacy Policy